Consigli VePharma

CA difeseimmuitarieCA bellezzanaturaleCA erbeeingredientinaturaliCA integratori Ben salCA esperienze sensorialidibenessereCA doloreefitoterapia

Prodotto naturale. Cosa significa?

stone henge blog
 
Una leggenda irlandese narra che sulla tomba di un mitico eroe, figlio di un dio-medico, crebbero un giorno 365 piante medicinali, il numero delle articolazioni e dei nervi dell’eroe, ma anche il numero dei giorni dell’anno, monito dell’eroe perché la cura fosse un’occupazione quotidiana da dedicare a sé stessi.


 Prodotto naturale. Cosa significa?

Il consiglio di curarci con le piante ci è arrivato attraverso i secoli e oggi più del 40% delle specialità farmaceutiche deriva da prodotti naturali e la “fitoterapia”, metodo terapeutico che cura le malattie con le piante, fresche o essiccate, o mediante i loro estratti naturali, è sempre più utilizzata e apprezzata anche alla luce dell’ampliarsi delle conoscenze su nuove risorse vegetali, arboree sia selvagge che coltivabili.

slide 03


Medicamento naturale: un po' di storia

Inizio ’800

I farmaci sono gli stessi del Rinascimento pur integrati dai rimedi e dai prodotti provenienti dalle terre del nuovo Mondo.
Fine ‘800
Lo sviluppo della chimica permette l’inizio della fabbricazione industriale di medicamenti naturali come: sciroppi, estratti, tinture, pomate e impiastri. La conoscenza dei medicamenti è basata sulla botanica, la chimica organica e la fisiologia, mentre i principi attivi sono estratti dalle piante e dagli animali per soluzione in acqua o in solventi organici.
1915/40
Le guerre segnano il boom della prima avanzata della ricerca e del progresso delle terapie curative in occidente con la necessità dapprima di farmaci antimalarici e antiparassitari, poi con i disinfettanti e in seguito con gli antibiotici allo scopo di curare i feriti dei combattimenti. Durante questo periodo i governi europei di vari stati e gli americani oltre oceano sostengono insieme con l’industria bellica anche la produzione in grande scala di farmaci favorita anche dal nascere dei sistemi di sicurezza sociale.
La sintesi dell’aspirina dimostra che è possibile ottenere in laboratorio composti più efficaci di quelli naturali senza la schiavitù della coltivazione o del reperimento dei prodotti naturali e dei loro principi attivi in paesi lontani. Nello stesso tempo si chiarisce il rapporto tra molecola attiva e patologia, di qui la corsa per la scoperta di nuove molecole attive. In questo cammino insinua il convincimento che sia possibile sconfiggere ogni malattia con la giusta molecola, e di qui l’inizio del minore interesse per le droghe depositarie, invece di molti principi attivi.
Inizio anni ’70
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riconosce l’importanza delle medicine tradizionali determinando un rinnovo di interesse per le piante medicinali in tutto il mondo spinta anche dai risultati della ricerca cinese che apre al concetto di fitocomplesso, unità farmaceutica non scindibile, in base al quale tutti i composti apparentemente inerti accanto al principio attivo (la molecola) hanno un effetto coadiuvante l’attività del principio attivo. Da qui nuove ricerche come: camomilla come antinfiammatorio e immunostimolante, i lattoni del tanaceto attivi sulle emicranie, l’echinacea come valido incremento alle difese immunitarie, l’iperico efficace contro le crisi depressive, i flavonoidi del ginkgo in impieghi per il trattamento dei disordini cerebrovascolari.
1970/2000
Si apre la frontiera più avanzata nella ricerca dei farmaci con le biotecnologie innovative anche nel campo della produzione razionale dei medicamenti naturali.
2000/2018
Accanto ai risultati di biotecnologie sempre più avanzate per spostare le frontiere del farmaco naturale, nelle problematiche di riequilibrio e prevenzione di problemi fisiologici e della cura delle patologie, permane il ricorso al consiglio del farmacista, del medico erborista, del naturopata, dell’omeopata, e alla sempre più praticata autoprescrizione nei punti vendita della grande distribuzione. Il mercato dei prodotti farmaceutici naturali è oggi in grande ascesa nei paesi industrializzati Si fa tuttavia strada sempre più la cultura del benessere che, coinvolge il prodotto naturale come prodotto salutare e, in parallelo, la coscienza dell’utilizzo di fonti rinnovabili di farmaci a causa del negativo impatto dell’industria chimico-farmaceutica sull’ambiente. Una ultima considerazione è rivolta al concetto dell’economicità del medicamento in termini di costo/sopravvivenza. Nel campo del non ricettato, delle medicine complementari, dei prodotti salutari, il farmaco naturale poco costoso ha ancora vantaggi, se ben preparato, su quello di sintesi.



La definizione di ‘naturale’

selerbe blog

“naturali sono tutti quei prodotti derivati direttamente dalla natura, siano essi diretti o manipolati dall’uomo, purché essi siano molecolarmente presenti in natura”.

I farmaci impiegati nei paesi industrializzati provengono, in buona parte, da prodotti naturali, siano essi utilizzati come tali, siano essi derivati da molecole presenti in natura.
Ogni paese ha una differente risposta alla definizione di naturale, per cui ciò che è “naturale” in Canada non lo è per in Europa e allora ci si chiede qual è il concetto che definisce il prodotto naturale? E’utile uscire dalla definizione tecnica e orientarsi su una più efficace definizione culturale. Infatti, la “naturalità” è un’espressione della costruzione culturale che ogni uomo e ogni comunità ha avuto, tanto che la definizione e il riconoscimento di un prodotto naturale varia di paese in paese. Ogni forzatura non può che portare a discussioni inefficaci così nascono tutte le approssimazioni possibili come queste: Naturale = genuino, Naturale = salutare, Naturale = in funzione dell’uomo, ecc. Ma così siamo lontani dall’avvicinarci alla realtà. Sul tema di definizione di naturale si sono svolti molti convegni e ci sono molte disposizioni legislative dei singoli paesi, senza implicazioni nel campo etico.
Si arriva quindi al piano concreto dove anche la didattica universitaria di Farmacognosia riporta per la pacifica comprensione di tutti questa definizione “naturali sono tutti quei prodotti derivati direttamente dalla natura, siano essi diretti o manipolati dall’uomo, purché essi siano molecolarmente presenti in natura”.

 

logo verticale bianco
Via Ospedale, 38 - 30174 Mestre Venezia VE - Italy
P.I. 03097390276 - tel. +39 041 8877874  - fax +39 041 980026 - pec. vepharma@legalmail.it -  email. acquisti@vepharma.it

web PolicyPrivacy| Credits |© Vepharma 2017

Questo sito utilizza i cookie Più informazioni
Accetta Cookies

Informativa e consenso per l’uso dei cookie

Rispettando di quanto previsto e disposto dalla Legge per ciò che riguarda la tutela e la protezione dei dati personali, si informa l’utente connesso a questo sito, che il blog rispetta i termini stabiliti dal Garante per la protezione dei dati personali e che questo sito non raccoglie i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete, utili per creare profili commerciali relativi ai suoi gusti, abitudini, scelte, ecc.

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. “terze parti” vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l’utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie “tecnici”?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell’estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie “tecnici”?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell’8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie “di profilazione”?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell’utente per l’installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie “tecnici” o di “profilazione”.

Per l’installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l’informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell’utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l’informativa semplificata e richiedere il consenso all’uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l’informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l’utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa “breve”, la richiesta di consenso all’uso dei cookie e un link per accedere ad un’informativa più “estesa”. In questa pagina, l’utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l’utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell’utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di “terze parti”, che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente.

Deve contenere il link all’informativa estesa e l’indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all’installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l’utente sceglie di proseguire “saltando” il banner, acconsente all’uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l’acquisizione del consenso effettuata tramite l’uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale “documentazione”, non è necessario che l’informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell’utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest’ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all’informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all’uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l’uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L’obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l’informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l’inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l’informativa “estesa”?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all’utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l’installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l’utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l’informativa e a richiedere il consenso per l’uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell’informativa “estesa” i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L’uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all’obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell’8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

Riferimento al sito del Garante della Privacy: