Lavanda Extra Pomata

Lavanda Extra Pomata in Crema
100 ml
13,00 €

IVA inclusa
ERBORISTERIA MAGENTINA
Descrizione

 

 

Benessere Cute e annessi cutanei - Pomate

Lavanda Extra Pomata è un fitoterapico a base di Estratto di Lavanda* (Lavandula officinalis Chaix - sommità fiorite) e altri principi attivi funzionali di Calendula*, Artiglio del Diavolo*, Aloe Vera* uniti a una Miscela floriterapica: Agrimony, Olive, Beech che aiuta a superare il disagio del malessere. Ne risulta una pomata multiuso ad ampio spettro ideale per il benessere e la cura della persona. E' indicata particolarmente per donare sollievo alla pelle in caso di disagi cutanei. Ottima per massaggi rilassanti e mitiganti di spasmi su muscoli e ventre. La “pomata” ha una formulazioni molto evoluta, come una vera e propria crema, ricca di grassi vegetali quali Burro di Karité, Olio di Mandorle dolci e di Rosa mosqueta che sanno ridare vitalità ed elasticità alla pelle.


Linee marchi E.Magentina POMATE
Linea POMATEdi Erboristeria Magentina
 - In questa linea sono state coniugate grandi conoscenze fitoterapiche e l’innovazione scientifica per una formulazione di prodotto che esprime al massimo i principi attivi funzionali, immediatamente biodisponibili. Le Pomate di Erboristeria Magentina sono state studiate per procurare sollievo immediato alla parte del corpo trattata con sole poche applicazioni, grazie alla elevata concentrazione di principi attivi di diverse piante officinali.

Effetti
  • Benessere della cute
  • Calmante per pelli irritate e sensibili
  • Massaggi lenitivi e rilassanti
  • Decontratturante e rilassante muscolare
Componenti

Principi Attivi funzionali 24,7% totali

  • Olio Essenziale di Lavanda
  • Estratto Acquoso di Calendula
  • Bisabololo
  • Acqua di Camomilla
  • Estratto Secco di Artiglio del Diavolo
  • Aloe Vera
  • Burro di Karitè
  • Olio di Mandorle Dolci
  • Olio di Rosa Mosqueta
  • Pantenolo

Miscela floriterapica: Agrimony, Olive, Beech

Modalità d'uso

Uso esterno
Spalmare e massaggiare la pomata sulla zona interessata fino a completo assorbimento. Ripetere l'operazione tutto le volte che se ne sente il bisogno.

Caratteristiche particolari

* La Lavanda officinale (Lavandula angustifolia Mill., o Lavandula officinalis) è una pianta sempreverde della famiglia delle Lamiaceae, una delle più insolite e interessanti piante della nostra flora, resa famosa per la sua coltivazione su scala industriale per l'estrazione dell'essenza impiegata per fitofarmaci e cosmesi. E' una specie tipica dei paesi intorno al Mediterraneo occidentale. Cresce fino agli 800 metri di altitudine in terreni aridi e sassosi con esposizione soleggiata. Le parti utilizzate sono le sommità fiorite; i suoi costituenti sono essenzialmente una sostanza amara, essenza, cumarina. Tra le sue molteplici proprietà sono prevalenti quelle antispasmodiche e calmanti, favorendo il sonno, il rilassamento muscolare, la riduzione dei disagi della pelle, la regolazione del tono dell'umore . Ha anche azione antisettica, cicatrizzante, diuretica, colagoga, repellente per gli insetti.


* La Calendula (Calendula officinalis L.) della famiglia delle Asteraceae è considerata un rimedio prezioso per il suo contenuto in pigmenti flavonici, un principio amaro, una saponina, una resina, un olio essenziale, acidi, alcol e tracce di acido salicilico. Questa Composita è uno dei migliori vulnerari antisettici, antiinfiammatori e cicatrizzanti della flora europea. Per queste sue proprietà entra nella formulazione di molte pomate e creme, da sola o insieme con altri estratti naturali, e costituisce un rimedio di base per la cura della pelle.


 

* L'Artiglio del Diavolo (Harpagophytum procumbens) è una pianta perenne originaria del continente africano, deve il suo nome alla sua strana conformazione: alle estremità ha 4 appendici dure, nastriformi ed appuntite che lo fanno assomigliare alla zampa di un rapace con grossi artigli ricurvi. In fitoterapia si impiegano le radici secondarie, ricche di principi naturali chiamati appunti arpagosidi, grazie ai quali la pianta risulta utile per la funzionalità articolare. L'Artiglio del Diavolo è impiegato in fitoterapia per le sue proprietà antinfiammatorie, soprattutto come rimedio naturale per i problemi articolazioni e i dolori muscolari.


* L'Aloe Vera (Aloe barbadensis Miller) è una pianta succulenta della famiglia delle Aleaceae. Le foglie delle pianta sono utilizzate fin dall’antichità per le molteplici proprietà sia per uso interno (gel sine cute) sia per uso esterno perché il gel racchiuso nelle foglie carnose dell’Aloe Vera ha un effetto rigenerante, elasticizzante, idratante ed antiossidante sui tessuti. È particolarmente utile come lenitivo in caso di infiammazioni e dermatiti, escoriazioni e lievi ustioni. Infatti, accelera la cicatrizzazione non solo nelle ferite, ma anche in caso di bruciature, punture di insetti e scottature solari.

Le formulazioni

Pomata sottoposta a test

  • Microbiologici
  • Dermatologici
  • Nichel

Pomata non testata su

  • Animali

Non contiene

  • Parabeni
  • Coloranti
  • PEG e petrolati
  • Principi attivi animali
  • Alcool
  • Siliconi
  • OGM
  • Glicole propilenico
  • Cessori di formaldeide
  • TEA
Le certificazioni

vegan freelav Certificazioni EMAG 1 4   EMAG misc flor certificazioni

Unità nella scatola: 100 ml

my shop

 x 

Carrello vuoto

paypal

Acquisti con Vepharma?

pagementi PAGAMENTO
Accettiamo tutte le carte, grazie a PAYPAL!.
Puoi pagare con PAYPAL, anche se non sei registrato.
   
spdizionegratuita SPEDIZIONE GRATUITA
Gratis da 45 euro di ordine
   
ovunque SPEDIZIONE A CHI VUOI
Invia i prodotti a casa, in ufficio, ad amici… ovunque desideri.


 le nostre sedi
 


    Mestre-Venezia
mestre2 ok

    Mira
oriago2 ok

facebook Vepharma

DIVENTA SUBITO UN FAN

 

logo verticale bianco
Via Ospedale, 38 - 30174 Mestre Venezia VE - Italy
P.I. 03097390276 - tel. +39 041 8877874  - fax +39 041 980026 - pec. vepharma@legalmail.it -  email. acquisti@vepharma.it

web PolicyPrivacy| Credits |© Vepharma 2017

Questo sito utilizza i cookie Più informazioni
Accetta Cookies

Informativa e consenso per l’uso dei cookie

Rispettando di quanto previsto e disposto dalla Legge per ciò che riguarda la tutela e la protezione dei dati personali, si informa l’utente connesso a questo sito, che il blog rispetta i termini stabiliti dal Garante per la protezione dei dati personali e che questo sito non raccoglie i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete, utili per creare profili commerciali relativi ai suoi gusti, abitudini, scelte, ecc.

1. Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. “terze parti” vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l’utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

2. A cosa servono i cookie?

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

3. Cosa sono i cookie “tecnici”?

Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell’estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultano indispensabili.

4. I cookie analytics sono cookie “tecnici”?

No. Il Garante (cfr. provvedimento dell’8 maggio 2014) ha precisato che possono essere assimilati ai cookie tecnici soltanto se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici.

5. Cosa sono i cookie “di profilazione”?

Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

6. È necessario il consenso dell’utente per l’installazione dei cookie sul suo terminale?

Dipende dalle finalità per le quali i cookie vengono usati e, quindi, se sono cookie “tecnici” o di “profilazione”.

Per l’installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti, mentre è necessario dare l’informativa (art. 13 del Codice privacy). I cookie di profilazione, invece, possono essere installati sul terminale dell’utente soltanto se questo abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con modalità semplificate.

7. In che modo il titolare del sito deve fornire l’informativa semplificata e richiedere il consenso all’uso dei cookie di profilazione?

Come stabilito dal Garante nel provvedimento indicato alla domanda n. 4, l’informativa va impostata su due livelli.

Nel momento in cui l’utente accede a un sito web (sulla home page o su qualunque altra pagina), deve immediatamente comparire un banner contenente una prima informativa “breve”, la richiesta di consenso all’uso dei cookie e un link per accedere ad un’informativa più “estesa”. In questa pagina, l’utente potrà reperire maggiori e più dettagliate informazioni sui cookie scegliere quali specifici cookie autorizzare.

8. Come deve essere realizzato il banner?

Il banner deve avere dimensioni tali da coprire in parte il contenuto della pagina web che l’utente sta visitando. Deve poter essere eliminato soltanto tramite un intervento attivo dell’utente, ossia attraverso la selezione di un elemento contenuto nella pagina sottostante.

9. Quali indicazioni deve contenere il banner?

Il banner deve specificare che il sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di “terze parti”, che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente.

Deve contenere il link all’informativa estesa e l’indicazione che, tramite quel link, è possibile negare il consenso all’installazione di qualunque cookie.

Deve precisare che se l’utente sceglie di proseguire “saltando” il banner, acconsente all’uso dei cookie.

10. In che modo può essere documentata l’acquisizione del consenso effettuata tramite l’uso del banner?

Per tenere traccia del consenso acquisito, il titolare del sito può avvalersi di un apposito cookie tecnico, sistema non particolarmente invasivo e che non richiede a sua volta un ulteriore consenso.

In presenza di tale “documentazione”, non è necessario che l’informativa breve sia riproposta alla seconda visita dell’utente sul sito, ferma restando la possibilità per quest’ultimo di negare il consenso e/o modificare, in ogni momento e in maniera agevole, le proprie opzioni, ad esempio tramite accesso all’informativa estesa, che deve essere quindi linkabile da ogni pagina del sito.

11. Il consenso online all’uso dei cookie può essere chiesto solo tramite l’uso del banner?

No. I titolari dei siti hanno sempre la possibilità di ricorrere a modalità diverse da quella individuata dal Garante nel provvedimento sopra indicato, purché le modalità prescelte presentino tutti i requisiti di validità del consenso richiesti dalla legge.

12. L’obbligo di usare il banner grava anche sui titolari di siti che utilizzano solo cookie tecnici?

No. In questo caso, il titolare del sito può dare l’informativa agli utenti con le modalità che ritiene più idonee, ad esempio, anche tramite l’inserimento delle relative indicazioni nella privacy policy indicata nel sito.

13. Cosa deve indicare l’informativa “estesa”?

Deve contenere tutti gli elementi previsti dalla legge, descrivere analiticamente le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all’utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Deve includere il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali il titolare ha stipulato accordi per l’installazione di cookie tramite il proprio sito.

Deve richiamare, infine, la possibilità per l’utente di manifestare le proprie opzioni sui cookie anche attraverso le impostazioni del browser utilizzato.

14. Chi è tenuto a fornire l’informativa e a richiedere il consenso per l’uso dei cookie?

Il titolare del sito web che installa cookie di profilazione.

Per i cookie di terze parti installati tramite il sito, gli obblighi di informativa e consenso gravano sulle terze parti, ma il titolare del sito, quale intermediario tecnico tra queste e gli utenti, è tenuto a inserire nell’informativa “estesa” i link aggiornati alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti stesse.

15. L’uso dei cookie va notificato al Garante?

I cookie di profilazione, che di solito permangono nel tempo, sono soggetti all’obbligo di notificazione, mentre i cookie che hanno finalità diverse e che rientrano nella categoria dei cookie tecnici, non debbono essere notificati al Garante.

16. Quando entrano in vigore le misure prescritte dal Garante con il provvedimento dell’8 maggio 2014?

Il Garante ha previsto un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale per consentire ai soggetti interessati di mettersi in regola. Tale periodo terminerà il 2 giugno 2015.

Riferimento al sito del Garante della Privacy: